• home
  • / news
  • / Riemissione dei rapporti di prova

Riemissione dei rapporti di prova

Riemissione dei rapporti di prova nel caso di cambio del nome/marchio commerciale del prodotto analizzato


E' scaduto a maggio il periodo transitorio per l'adeguamento dei laboratori di prova alle regole fissate il 27 e 28 maggio 2014 dall'Assemblea Generale di EA con la risoluzione 2014 (33)31, applicabile nel caso di riemissione dei rapporti di prova.

Per la risoluzione EA GA 2014 (33)31 è stato infatti fissato un transitorio di un anno dall'approvazione.

Si riportano a seguire la traduzione e il testo originale.

Riemissione dei rapporti di prova quando cambia il nome/marchio commerciale del prodotto analizzato (par. 5.10.9 UNI CEI EN ISO/IEC 17025)

I rapporti di prova devono essere riemessi solo in caso di correzione di errori e di inserimento di informazioni/dati omessi ma disponibili al momento dell'esecuzione delle prove.
Deve essere fornita un'unica identificazione del campione e può essere mostrata qualunque etichettatura o brand del produttore identificati come tali.
La pratica da parte di un Laboratorio accreditato di riemettere un rapporto di prova sotto accreditamento quando il nome/marchio commerciale del prodotto analizzato è cambiato (senza aver effettuato nuovamente le prove) non è permessa, anche quando ci sia un chiaro riferimento al rapporto di prova iniziale che viene sostituito.
Il prodotto analizzato sarà stato chiaramente identificato sia nel riesame del contratto che nel rapporto di prova.
Il Laboratorio non deve assumersi la responsabilità di dichiarare che il prodotto con il nuovo nome/marchio commerciale è esattamente identico a quello analizzato; questa responsabilità è a carico del cliente.
E' definito un periodo transitorio di un anno per la completa applicazione della risoluzione in modo da consentire al mercato di adeguarsi alle nuove regole.

CSI S.p.A. quale Ente di Certificazione e Testing accreditato da ACCREDIA - Ente di Italiano Accreditamento, unico organismo autorizzato dallo Stato italiano e riconosciuto nell’Unione Europea a svolgere attività di accreditamento, da Maggio 2015 sarà pertanto tenuto all’applicazione e rispetto di quanto sopra.



 

 

Attenzione: il browser che stai utilizzando è obsoleto, per una corretta navigazione aggiornalo alla versione più recente!